• Gli Accordi (parte 2)

    4 Min Read

    Rivolto di  un accordo:

     

      Le triadi, così come gli accordi di settima e di nona si possono presentare in due diversi stati:

    • Stato fondamentale: dove la disposizione delle note equivale ad una progressione di intervalli di terza.
    • Stato di rivolto: succede quando la nota che di norma sta al basso viene spostata all’acuto; ogni accordo possiede un certo numero di rivolti che è stabilito dal numero di note che compongono l’accordo.

      Une triade, nel suo stato fondamentale, è formata da due intervalli di terza sovrapposti; una settima (quadriade) da tre: 

     

     I rivolti si ottengono portando all’ottavo superiore la nota fondamentale, poi la terza, la quinta e la settima (quest’ultima solo nel caso delle quadriadi):

     

    Una triade possiede tre diversi stati:

    • Fondamentale: In cui le note sono disposte per intervalli di terza (Do – Mi – Sol),
    • Stato di 1° rivolto: Succede quando il terzo grado dell’accordo è posizionato  al basso (Mi – Sol – Do), 
    • Stato di secondo rivolto: Accadde  quando il quinto grado dell’accordo viene posto al basso (Sol – Do – Mi);

     

       Rivolti di Do maggiore 7

     

    Accordi a parti strette e a parti late

     

    Un accordo può essere scritto: a parti strette o a parti late.

    È a parti strette se le note che lo compongono sono disposte in successione di terza o di seconda (rivolti); è a parti late se la disposizione delle parti supera l’intervallo di terza.

     

    L’accordo di settima di dominante

     

    Gli accordi si possono suddividere per il loro carattere di stabilità o di moto. Otteniamo cosi:

    per indicare i due fondamentali. 

    Questi due accordi hanno un carattere completamente contrastante l’uno all’altro. L’accordo tonale è il più stabile ed è composto da tonica, mediante e dominante. L’accordo di settima di dominante ha un carattere di movimento molto staccato, per il fatto che i suoni che lo costruiscono hanno tutti una inclinazione a risolvere su altri suoni.

    Tanto è vero l‘accordo di settima di dominante ha come suono fondamentale il V grado del tono, sul quale si erge una 3ª maggiore, una 5ª giusta e una 7ª minore.

     

    L’accordo tonale (come riconoscere le tonalità)

     

    Le tonalità che si utilizza generalmente sono trenta: quindici maggiori e quindici minori

       Le tonalità si possono facilmente riconoscere la in base all’armatura di chiave e in base allo svolgimento della melodia.

       Le alterazioni indicate in chiave stabiliscono due tonalità simili una di modo maggiore, l’altra di modo relativo minore. Per specificare se il brano appartenga all’una o all’altra di queste tonalità, analizzando lo sviluppo della melodia, si procede in questo modo:

    • l’inizio d’ogni melodia si svolge toccando di predilezione tre note tra le più importanti della scala, che sono: tonica, mediante, dominante. Queste tre note congiunte formano l’unione armonica migliore per indicare la tonalità;
    • siccome l’accordo è l’effetto della combinazione coesistente di almeno tre suoni, l’accordo costruito da tonica, mediante e dominante ( I, III e V grado) si chiama accordo tonale.
    • se l’accordo tonale è maggiore anche il tono sarà maggiore, ugualmente se l’accordo tonale è minore anche il tono sarà minore.

        Ad esempio dato un diesis in chiave, si può presumere che il tono sia di Sol maggiore o di Mi minore. Se l’avvio melodico inizia o tocca di predilezione le note dell’accordo tonale Sol, Si, Re, si potrà stabilire che la tonalità di quel brano è Sol maggiore. Se invece si incentra sulle note Mi, Sol, Si, la tonalità sarà di Mi minore.

     

    Per ulteriori informazioni consulta articolo: Armonizzazione della scala maggiore: il procedimento anche: Enarmonico (Enarmonia), Gli accordi (parte 1

    No Comment
  • Gli accordi (parte 1)

    11 Min Read

           Accordo è la riunione simultanea di più suoni di differente altezza disposti secondo un certo rapporto determinato dalla risonanza naturale dei strumenti; rapporto che, nella pratica musicale, è rappresentato dalla sovrapposizione di due o più intervalli di terza.

         L’accordo è l’unione di suoni differenti, legati in un’unica formazione acustica. Gli accord possono essere di:

    •  tre note (triadi),
    •  quattro note (quadradi o accordi di settima),
    •  cinque note (quintriadi, o accordi di nona),
    •  sei note (undicesime),
    •  sette note (tredicesime).

           Si usa il termine accordo per esporre più note – almeno tre – che risuonano contemporaneamente, e che vengono  suonate da più strumenti insieme o da più dita, nel caso di uno strumento a tastiera.  Più importante il suono del accordo è il suono più grave, ciò è scritto sul basso . Esso prende il nome di fondamentale (nota fondamentale o basso fondamentale). 

         Abbiamo  sostanzialmente accordi di due tipi:

    • gli accordi di modo maggiore in cui la distanza tra fondamentale e 2º suono è di due toni; si indicano con il nome della nota fondamentale, eventualmente accompagnato dal  segno  + ;
    • gli accordi di modo minore in cui la distanza tra fondamentale e 2º suono è di un tono e mezzo; si indicano con il nome della nota fondamentale sempre accompagnato dal segno –  ;

          Invece, gli accordi di quattro suoni si dimostrano  con il nome della fondamentale accompagnato da un numero che indica  la posizione, nella scala, della 4ª nota dell’accordo.

     

                        Accordo di Do maggiore

                         (esempio sul pianoforte)

                      Accordo di Do minore

                      (esempio sul pianoforte)

        Accordo di Do Maggiore e Accordo di Do Minore

            Accordo di Re Maggiore e Accordo di Re Minore

     

     

          Esistono molte combinazioni di accordi: triade, settima, nona, undicesima e tredicesima. Essi prendono il loro nome in base alla distanza che vi è fra la nota a basso ( fondamentale) e quella più acuta dell’accordo. Sono numerati adoperando la tecnica del basso numerato ( basso cifrato o basso continuo).

     

    Le triade

     

         Le triade è un accordo formato da tre suoni. Nella posizione fondamentale, si ottiene sovrapponendo due suoni che distano una 3ª e una 5ª dal suono base (fondamentale dell’accordo). 

         Nell’armonia tonale si definisce triade la composizione di due intervalli armonici di terza, che sono la base della maggior parte degli accordi musicali:

          Le triade si distinguono in: maggiore, minore, eccedenti e diminuite.

    • Triade Maggiore: Composta da terza maggiore + terza minore (intervalli: 3ª maggiore, 5ª giusta)
    • Triade Minore: Composta da terza minore + terza maggiore (intervalli: 3ª minore, 5ª giusta)

        Ogni triade maggiore possiede una sua relativa minore. Esse vanno di pari passo con le tonalità. Ad esempio la triade relativa di Do maggiore sarà quella di La minore:

     

            

     

     Ecco una tabella con tutte le triadi di Do maggiore e La minore:

     

     

    • Triade Eccedente formata da seguenti intervalli: 3ª maggiore, 5ª eccedente,
    • Triade Diminuita formata da seguenti intervalli: 3ª minore, 5ª diminuita.

     

    M = maggiore; m = minore; E = eccedente; D = diminuita; G = giusta

        Se creiamo delle triadi su ogni suono sia della scala maggiore sia della scala minore, avremo:

     

     

           Possiamo osservare la presenza di triadi maggiori, minori e diminuite nelle scala maggiore e in quella minore naturale, invece l’accordo eccedente (III grado) è presente solo nella scala minore armonica e melodica ascendente. Sono considerati consonanti gli accordi: maggiore e minore; dissonanti gli accordi: diminuiti ed eccedenti.

     

    Composizione delle triadi maggiori:

     

                     Fondamentale

                          ( inglese)

                       Fondamentale

                           (italiano)    

                         Composizione

                           della triade

                                 C                                                               Do                          Do Mi Sol
                                C♯                            Do♯                       Do♯ Mi♯ Sol♯
                                D♭                            Re♭                          Re♭ Fa La♭
                                 D                             Re                          Re Fa♯ La
                                D♯                            Re♯                     Re♯ Fa♯♯ La♯
                                E♭                            Mi♭                         Mi♭ Sol Si♭
                                 E                             Mi                          Mi Sol♯ Si
                                 F                             Fa                           Fa La Do
                               F♯                            Fa♯                       Fa♯ La♯ Do♯
                               G♭                           Sol♭                        Sol♭ Si♭ Re♭
                                G                            Sol                            Sol Si Re
                               G♯                           Sol♯                       Sol♯ Si♯ Re♯
                               A♭                            La♭                        La♭ Do Mi♭
                                A                             La                         La Do♯ Mi
                              A♯                            La♯                      La♯ Do♯♯ Mi♯
                              B♭                             Si♭                          Si♭ Re Fa
                               B                              Si                         Si Re♯ Fa♯

     

    La settima (La quadriade)

     

    L’accordo di settima si costruisce aggiungendo un rapporto di terza sul quinto grado di una triade.

     

     

            Essa viene rappresentato con la numerica “7”, questa serve a indicare la distanza presente fra la nota posta a basso e le altre note costituenti l’accordo:  Do – Mi (3) – Sol (5) – Si (7)

           Le quadriadi, a seconda dei rapporti che intercorrono tra una nota e l’altra vengono suddivise in sette specie:

    •  I SPECIE ¹       formata da intervalli: 3ª M, 5ª G, 7ª m;
    • II SPECIE         costruita da intervalli: 3ª m, 5ª G, 7ª m;
    • III SPECIE ²     formata da intervalli: 3ª m, 5ª D, 7ª m;
    • IV SPECIE        costruita da intervalli: 3ª M, 5ª G, 7ª M;
    • V SPECIE          formata da intervalli: 3ª m, 5ª D, 7ª D;
    • VI SPECIE        costruita da intervalli: 3ª m, 5ª G. 7ª M;
    • VII SPECIE       formata da intervalli: 3ª M, 5ª E, 7ª M.

    1 –  Nella scala maggiore e nella minore melodica e armonica, l’accordo di settima di I specie è anche detto di dominante.

    2 –  Nella scala maggiore e nella minore armonica, l’accordo di settima di III specie è anche detto di sensibile.

        Studiando gli accordi di settima che si formano sulla scala maggiore e sulle principali scale minori, indicandone la specie:

     

     

         Tutti gli esempi sono in Do maggiore e La minore per semplificare la spiegazione, ma ovviamente possono essere riportati in tutte le altre tonalità.

    Gli accordi di settima si dividono in due tipi:

     

    • Accordi di settima naturale: Sono le settime create sulla dominante o sulla sensibile della tonalità; esse non occorrono  di preparazione e sono storicamente le più utilizzate.
    • Accordi di settima artificiale: In cui figurano tutte le altre settime, queste rendono  di preparazione, cosa che avviene tenendo fermo il settimo grado dall’accordo che precede la settima che si desidera creare.

    Oltre al tipo di appartenenza, le settime sono soggette a due moti obbligati:

     

    • Moto obbligato del settimo grado: Il settimo grado di una settima è obbligato a rivolvere di grado discendente
    • Moto obbligato della sensibile: Spesso nell’accordo di settima figura anche la sensibile della tonalità, essa è obbligata a risolvere di grado ascendente sulla tonica.

     

     

          Esistono casi in cui il settimo grado della settima coincide con la sensibile della tonalità. Ad esempio ciò arriva  quando si ha una settima sulla tonica della tonalità. In questo caso la funzione di sensibile decide come  funziona la settima. Il settimo grado risolverà salendo di tono.

     

    L’accordo di nona:

    L’accordo di nona è costituito da cinque note riconducibili a intervalli di terze.

    L’accordo di undicesima:

     L’accordo di undicesima è costituito da sei note riconducibili a intervalli di terze.

    L’accordo di tredicesima:

    L’accordo di tredicesima è costituito da sette note riconducibili a intervalli di terze.

    Per ulteriori informazioni consulta articolo: Armonizzazione della scala maggiore: il procedimento anche: Enarmonico (Enarmonia), Accordo, Gli Accordi (parte 2)

    No Comment
  • Circolo delle quinte

    4 Min Read

     

     

     

        Circolo delle quinte : è un grafico circolare che prende il suo nome dalla disposizione delle tonalità e dalla distanza che vi è fra le tonalità. Inoltre ci permette di vedere quali sono le scale relative fra loro e quali alterazioni possiedono. Ogni scala diatonica è un sottosistema formato da sette delle dodici note della scala cromatica. Il circolo delle quinte è un grafico utilizzato per mostrare le relazioni tra le dodici note che compongono la scala cromatica. Ogni volta che si passa di quinta in quinta si aggiunge un # alla settima della quinta trovata. Il circolo delle quinte viene definito così, perché la nota fondamentale di ogni scala è la quinta nota della scala posta alla sua sinistra.

    Per illustrare tutte queste relazioni tra dodici note facciamo riferimento alla seguente illustrazione, dove in un quadrante di orologio sono inserite in senso orario le note a partire dal Do in successione di quinte giuste. In questo modo tutte e dodici le note sono rappresentate. In senso orario ogni nota è adiacente alla sua dominante, invece in senso antiorario ogni nota è vicina alla sua sottodominante (nel caso di do: fa è sottodominante e sol è dominante).

    Per determinare il numero di diesis o bemolle che sono inseriti in chiave per una determinata tonalità ci si muove in senso orario per i diesis ed in senso antiorario per i bemolle.

    Per esempio partendo dal Do maggiore, che non ha alterazioni in chiave, ci spostiamo sul Sol che ha un diesis in chiave (Fa♯), poi ci spostiamo sul  Re maggiore che ha due diesis (Fa♯ e Do♯) e così via.

    Nell’altro verso spostandoci sul Fa maggiore abbiamo un bemolle in chiave (il Si), il Si maggiore ne ha due (il Si ed il Mi) e così via.


     

     

    Costruzione accordi di base con Circolo delle quinte

     

     

     

         Il circolo delle quinte non è solo utile per trovare bemolli e diesis in ogni chiave. Fornisce un modo semplice per costruire anche accordi di baseSe invece consideriamo i nomi delle note come accordi questi possono aiutare a visualizzare i movimenti armonici di una progressione tipica come la cosiddetta seconda-quinta-prima (rappresentata spesso come II-V-I, ovvero: seconda minore – quinta maggiore dominante – tonica). Per esempio, partendo da Sol, la tipica progressione Sol-7 / Do7 / Fa si visualizza in senso antiorario.

     

    Accordi maggiori

     

    Gli accordi principali sono costruiti sulla nota fondamentale la terza maggiore e la quinta perfetta. Visto che guardiamo il circolo delle quinte, la  quinta perfetta sarà adiacente alla sua nota fondamentale in senso orario dalla tua radice. Costruiamo un accordo di Do maggiore. Il circolo delle quinte dice che la quinta perfetta di Do è Sol. Quindi abbiamo  due note nell’accordo di Do maggiore: Do e Sol.  Spostati semplicemente in diagonale verso il basso dalla tua quinta perfetta per trovare la terza nota nella tua triade maggiore per trovare la terza maggiore, un Mi. Il tuo accordo di Do maggiore è: Do – Mi– Sol.

     

    Accordi minori

     

    Costruire accordi minori è semplice. Lo schema costruttivo è un po’ diverso. Per questo esempio costruiamo  un accordo di Do minore. Gli accordi minori iniziano con la nota fondamentale e la sua quinta perfetta, in senso orario. La nota adiacente alla nota di Do è un Sol.  Abbiamo trovato 2 note nell’accordo di Do minore: Do e Sol. La terza nota negli accordi minori è una terza minore. Per trovare la terza minore sul cerchio, disegna semplicemente una linea in diagonale e in basso dalla quinta perfetta. Quindi nel caso di Do minore, è M. Eccolo lì, il tuo accordo di Do minore è: Do – Mi– Sol

    Circolo delle quinte è molto importante perchè rappresnta in maniera chiara il ponte enarmonico.

         ll ponte enarmonico è un fenomeno è generato dal susseguirsi di una serie di scale (o tonalità) diverse per nome ma uguali nella successione dei suoni, pertanto sono scale di altezze uguali ma con nomi diversi.   Queste tonalità sono :

    • Do# Maggiore che è uguale a ReMaggiore
    • Fa# Maggiore che è uguale a SolMaggiore
    • Si Maggiore che è uguale a DoMaggiore
    • La# Minore (relativa di Do# Maggiore) che è uguale a SiMinore (relativa di ReMaggiore)
    • Re# Minore (relativa di Fa# Maggiore) che è uguale a MiMinore (relativa di SolMaggiore)
    • Sol# Minore (relativa di Si Maggiore) che è uguale a LaMinore (relativa di DoMaggiore)

    .

    Ulteriori informazioni consulta: Alterazioni , Accordo  Armatura di chiave

    1 Comment
  • Progressioni (parte 2)

    9 Min Read

        Progressioni di accordi di 7ª

     

         Si definisce progressione di accordi di 7ª la riproduzione simmetrica alla 2ª sotto di un modello nel quale è compreso un intervallo di 4ª ascendente oppure di 5ª discendente:

          Modello nel quale ogni nota si armonizza con un accordo di 7ª allo stato fondamentale:

          Vediamo dagli schemi precedenti, che anche gli accordi, nella riproduzione del modello, sonoo disposti una 2ª sotto.

          Nella progressione tonale di accordi di 7ª allo stato fondamentale, la 3ª di ogni accordo, rimanendo immobile, prepara la 7ª dellaccordo successivo:

          Nella progressione tonale 4 parti allo stato fondamentale un accordo è completo e l’altro incompleto, cioè senza la 5ª. Si può avere intero il primo accordo e parziale il secondo o in senso contrario. Se i due accordi fossero completi avrebbero luogo errori di quinte di seguito per moto retto o contrario:

            Nellaccordo nel quale manca la 5ª si raddoppia la fondamentale, oppure, meno frequente, la 3ª:

         Se vogliamo avere gli accordi completi è indispensabile creare la successione a 5 parti, raddoppiando la fondamentale o la 5ª nel primo accordo:

     

            La progressione tonale di accordi di 7ª può cominciare con ogni accordo, che, in maggior parte, è quello di 7ª di dominante, e termina con quest’ultimo. La progressione completa è formata di sette accordi, perché trascorre tutti i gradi della scala:

          

            La progressione può avere inizio pure da un accordo di 7ª costruito su qualsiasi altro grado e finire con un accordo qualsiasi che non sia quello di 7ª di dominante:

             In questo caso, se laccordo iniziale è un accordo secondario serve la preparazione della 7ª e della 5ª nel basso se la progressione è sotto forma di secondo rivolto.

            La progressione tonale di accordi di 7ª può essere utilizzata allo stato fondamentale e sotto forma di rivolto.

     

       Progressione tonale di accordi di 7ª nel modo maggiore

     

         Nella progressione tonale di accordi di 7ª nel modo maggiore, sia completa (7 accordi) che incompleta, sia allo stato fondamentale che sotto forma di rivolto, le diverse specie di accordi di 7ª si verificano sempre nel successiva sistemazione:

    • un accordo di 7ª di 1ª specie sulla dominante;
    • due accordi di 7ª di 4ª specie: sul 1° e sul 4° grado;
    • un accordo di 7ª di 3ª specie sul 7° grado;
    • tre accordi di 7ª di 2ª specie: sul 3°, sul 6° e sul 2° grado.

     

        Regole per stabilire il modello nella progressione tonale di accordi di 7ª allo stato fondamentale e nei rivolti

     

          Il modello della progressione tonale di accordi di 7ª allo stato fondamentale e nei rivolti si stabilisce nel consecutivo sistema:

    • Nel fondamentale, il modello è formato da un basso che sale di 4ª o scende di 5ª e il modello stesso è rifatto una 2ª sotto. Ogni nota del modello, e delle relative ripetizioni, è numerata 7 (7-7):  

     

     

    • Nel 1° rivolto il modello è formato da una nota che resta legata e il modello stesso è riprodotto una 2ª sotto. La prima nota del modello, e quella delle seguenti ripetizioni, è numerata 6 e 5 e la seconda nota con 4 e 2:

    •  Nel 2° rivolto il modello è formato da una che scende di grado (tono o semitono) e il modello stesso è ricopiato una 2ª sotto, la prima nota del modello, e quella delle successive ripetizioni, è numerata con 4 e 3 e la seconda nota con 7:

     

    •  Se la progressione ha inizio con un accordo di 7ª secondario, la prima nota del basso, essendo la 5ª dell’accordo dovrà essere preparata:

     

    •  Nel 3° rivolto come nel 2°, il modello è formato da una nota che scende di grado (tono o semitono) e il modello è riprodotto una 2ª sotto. La prima nota del modello, e quella delle successive ripetizioni, è numerata con 4 e 2 e la seconda nota con 6 e 5:

    • Se la progressione ha inizio con un accordo di 7ª secondario, la prima nota del basso, essendo la 7ª dell’accordo, dovrà essere preparata:

     

    Esempio completo di una progressione tonale di  accordi di 7ª nella tonalità di Do maggiore.

     

    • Fondamentale (numerica 7-7)

     

    • 1º rivolto 

     

    • 2º rivolto

     

    • 3º rivolto

     

         Intanto che è semplice creare una progressione tonale di accordi di 7ª in qualunque tonalità secondo gli schemi precedenti, non è nello stesso modo facile identificare in un basso o in una melodia di quale rivolto si tratta. In modo particolare quando la progressione non è completa (cioè di 7 accordi) e, di conseguenza, a causa delle note con le quali ha inizio e fine non è possibile iniziarla e finirla con un accordo di 7ª di dominante.

         Effettivamente, in una progressione come la seguente:

     

     

    il modello può essere stabilito in tre forme diverse , le quale coincidono relativamente ai tre rivolti della progressione stessa:

        1.  modello nel quale il basso resta legato e il modello stesso è riprodotto una 2ª sotto:

                                                    1º rivolto della progressione;

         2.  modello nel quale il basso scende il grado e il modello stesso è riprodotto una 2ª sotto:

                                                     2º rivolto della progressione;

         3.  modello nel quale il basso, come nel caso precedente, scende di grado e il modello steso è prodotto una 2ª sotto:

                                                    3º rivolto della progressione.

          La progressione in argomento, di conseguenza, potrebbe essere numerata, indifferentemente, in tre modi diversi, nel rispetto di come è stabilito il modello:

    Progressione sotto forma di:

     

           Comunque, per motivo della conclusione finale, non sempre è possibile distinguere indifferentemente un rivolto anziché l’altro, per cui tale selezione dipende solamente dal grado sul quale va a risolvere la nota del basso dell’ultimo accordo di 7ª della progressione:

    • se tale grado non può essere armonizzato che con 5/3 o con 7, la progressione verrà considerata come sotto forma di 2º rivolto :

    • se tale grado può essere armonizzato con 6/3, la progressione verrà considerata, indifferentemente, come sotto forma di 1º rivolto (6/5 – 4/2), ovvero di 3º rivolto (4/2 – 6/5):

             Progressione valutata sotto forma di:

     

        Progressione tonale di accordi di 7ª nel modo minore

     

            Nelle progressioni tonali di accordi di 7ª nel modo minore, nell’armonia tradizionale si utilizzava solamente la scala minore naturale alterando il settimo grado (sensibile), solo nell’ultimo accordo che doveva essere quello di 7ª dominante e usando la preparazione della 7ª nel primo accordo che poteva essere un accordo qualsiasi.

           Scala minore naturale (nella tonalità di la minore); a 5 parti per avere tutti accordi completi.

     

          Facendo riferimento al concetto di adoperare nel modo minore qualsiasi tipo di scala, non c’è un motivo per cui la progressione tonale di accordi di 7ª non possa essere utilizzata anche negli altri tipi di scala minore. Da questo utilizzo risulterebbero nuovi effetti che aumenterebbero sempre più il capitale armonico esistente:

           Scala minore armonica (nella tonalità di La minore)

     

             Scala minore bachiana (nella tonalità di La minore)

              Consistendo la progressione di accordi di 7ª una progressione discendente, è evidente che non è possibile utilizzare la scala minore melodica che nello scendere e, quindi, la progressione nella scala minore melodica si concede con quella nella scala minore naturale

     

          Progressione di quadriadi e di triadi alternate.

     

             iA parte che di soli accordi di 7ª si può realizzare una progressione di quadriadi e di triadi alternate, nella quale il modello è stabilito in due modi diversi:

    1.)  

     

    Il basso sale di grado:

     

    e il modello è riprodotto una 2ª sotto:

     

     

    la prima nota del modello è armonizzata con un accordo di 7ª derivato ( nell’armonia tradizionale era sempre quello di 7ª sensibile una che può essere anche un altro accordo qualsiasi, come per esempio, quello di 7ª di 4ª specie sul 4º grado della scala maggiore), e la seconda nota del modello è armonizzata con una triade allo stato fondamentale:

     

    (1) L’accordo di 5ª D. nel corso della progressione è considerato come un accordo consonante.

     

         La precedente progressione può essere utilizzata anche sotto formato di rivolto. In questa situazione il modello è stabilito nel modo seguente: 

    • nel 1º rivolto il basso sale di grado e il modello  è riprodotto una 2ª sotto; il basso deve salire di grado perché se mai scendesse formerebbe due quinte di seguito con la 7ª che scende, come abbiamo già visto a proposito di tutti gli accordi di 7ª derivati:

     

     

    • nel 2º rivolto il basso scende di grado e il modello è riprodotto una 2ª sotto:

     

     

    • nel 3º rivolto il basso scende di grado e il modello è riprodotto una 2ª sotto:

     

           La stessa progressione iniziata con altro accordo di 7ª derivato ( 7ª di 4ª specie sul 4º grado della scala maggiore) :

     

     

          La prima delle due progressioni precedenti – quella che inizia con l‘accordo di 7ª di sensibile – può essere anche modulante, stabilendo un modello che, nel fondamentale, sale di un semitono e il modello stesso è riprodotto un tono sotto. In questo caso il 1º accordo di ognuna ripetizione del modello è sempre un accordo di 7ª di sensibile di altra tonalità. Suddetta progressione prosegue secondo il circolo  delle quinte discendenti, ma saltando una quinta:

     

     

    2.)

     

    Il basso sale di 4ª:

     

    oppure scende di 5ª:

     

    come nella progressione tonale di accordo di 7ª, e il modello è riprodotto una 2ª sotto:

     

     

             La prima nota del modello è armonizzata con un accordo di 7ª indipendente – principale o secondario – e la seconda nota con una triade allo stato fondamentale:

     

     

            La precedente progressione può essere utilizzata sotto forma di rivolto, senza nessun determinato accorgimento nel movimento delle parti.

           Anche la precedente progressione può essere modulante, stabilendo un modello che, nel fondamentale, sale di 4ª giusta oppure scende di 5ª giusta e il modello stesso è riprodotto un tono sotto. In questa situazione il 1º accordo di ogni ripetizione del modello è sempre un accordo di 7ª di dominante di altra tonalità. Anche questa progressione prosegue secondo il circolo delle quinte discendenti, ma saltando una quinta:

     

    No Comment
  • Le progressioni (parte 1)

    7 Min Read

    Definizione

     

          La progressione è la trasposizione sistematica o la ripetizione simmetrica di un disegno musicale (armonico,  melodico e ritmico). É un’importane risorsa musicale per lo sviluppo. Quella che sarebbe uguaglianza e singolarità nella ripetizione diventa diversità grazie al cambio di altezza delle note. Spesso, se facciamo l’osservazione precisa,  posiamo riferire che la progressione è la base anche di numerosi passaggi in cui a prima vista sembra non presente. (soprattutto nella fuga e nei settori di sviluppo e di transizione delle sinfonie).

    Modello

     

        Il disegno che viene ripetuto simmetricamente si chiama modello (o modulo).

    Esempio:

         Nella maggior parte dei casi il modello deve essere riprodotto da una figurazione di breve durata per cui possa essere meglio individuato. In più la simmetria deve essere mantenuta non solo nel basso o nella melodia ma in tutte le altri parti. Perciò, gli accordi, nella replica del modello, devono essere disposti non solo nella stessa forma (fondamentale o rivolto) ma anche nelle identiche posizioni melodiche. Questa ultima regola si può modificare solo nell’ultima ripetizione del modello (certo se necessario da una qualunque ragione armonica o melodica).

          Il modello nella progressione può variare da un singolo breve motivo su un solo accordo a un’intera frase musicale. Anche se possibile creare un modello musicalmente indicativo sulla base di un solo accordo, dal punto di vista armonico questo tipo di modello è poco notevole e l’efficienza della progressione sarà condizionata dalla disposizione contrappuntisticaSono più frequenti i modelli che comprendono due accordi. La progressione è più complicato da individuare se il suo modello è molto più lungo. Un gruppo musicale più corto può infatti essere distinto facilmente come un insieme completo. Anche una breve frase musicale può essere utilizzata efficacemente come modello per una progressione.

    Dal esempio del “Tristano e Isotta di Wagner si crea, sotto l’aspetto armonico, il seguente modello:

     

    Regole di progressione

     

           Nel collegare gli accordi inclusi nel modello bisogna considerare tutte le regole stabilite per il movimento e il collegamento armonico delle parti, perché un errore contenuto nel modello verrebbe riprodotto nella ripetizione dello stesso.

          Nel passare dal modello alla ripetizione dovendosi considerare l’ottima simmetria sono accettabili eventuali errori armonici di quinte, di ottave o di unisoni e intervalli vietati.

    Se nella ripetizione del modello s’incontra l’accordo di 5ª diminuita, questo viene esposto come un accordo consonante, ma riprende le sue proprietà quando verrà a trovarsi alla fine della progressione.

    Se la progressione comincia con accordi di 7ª o di 9ª principali, per i quali non è richiesta la preparazione, ricrearsi il modello con accordi di 7ª o di 9ª secondari per i quali al contrario la preparazione è indispensabile, questa non viene eseguita in forza della progressione e gli accordi vengono valutati come se fossero principali:

    a) accordo di 7ª di prima specie per il quale non è richiesta la progressione;

    b) accordo di 7ª di seconda specie per il quale sarebbe stabilita la progressione;

    c) accordo di 7ª di terza specie o di sensibile per il quale non è richiesta la progressione;

    d) accordo di 7ª di quarta specie per il quale sarebbe stabilita la progressione.

    Le progressioni possono essere utilizzate oltre che nel modo maggiore anche nel minore. In questa situazione viene usata la scala minore naturale e l’alterazione della sensibile viene immessa solamente nella cadenza finale:

    Lunghezza della progressione

     

         In genere la teoria musicale stabilisce che una sola trasposizione di un modello non costruisce una progressione. Dato che fin quando il gruppo iniziale non è presente perlomeno tre volte non si può parlare di trasposizione sistematica. (Sono necessarie tre separate esposizioni del modello, con due diverse trasposizioni, per dimostrare che l‘intervallo di trasposizione è compatto). Esistono, anche, tantissimi esempi con una sola trasposizione: una frase, ossia, in cui l’anteriore e il successivo sono il modello della progressione e la sua trasposizione, e che non prosegue in progressione. Diciamo, d’altra parte, che per evitare una simmetria troppo allargata sporadicamente i compositori ripetono più di tre volte il modello senza diversificarlo o abbandonarlo del tutto. Ovviamente è possibile trovare numerose eccezioni a questa regola. In certi esempi di espressione musicale come le cadenze virtuosistiche e le composizioni indicate allo studio e alla dimostrazione della tecnica, a volte le progressioni vengono ripetute fino al punto di utilizzare l’intera estensione dello strumento. Comunque la ripetizione non appare generalmente più di tre o quarto volte, per un evidente motivo di varietà estetica. Troppe ripetizioni di uno stesso frammento musicale infatti originano monotonia e farebbero l’effetto di un disco che si incanta sul solco.

    Classifica delle progressioni.

     

    Le progressioni vengono ordinate in sette categorie:

    1. ascendenti;
    2. discendenti;
    3. tonali (non modulanti);
    4. modulanti;
    5. fondamentali;
    6. derivate;
    7. irregolari.
    1. Progressioni ascendenti

     

         Progressioni ascendenti sono quelle nelle quali il modello si ripete più alto:

    2. Progressioni discendenti

     

         Progressioni discendenti sono quelle nelle quali il modello si ripete più basso:

    3. Progressioni tonali (non modulanti)

     

         Progressioni non modulanti sono quelle in cui il centro tonale è fisso. La progressione tonale resta tutta  nello stesso tono. Nella progressione non modulante le trasposizioni avvengono sui diversi gradi della scala. Ciò determina qualche variazione nel modello, perché gli intervalli tra i gradi della scala non sono sempre identici. Questo tipo di progressioni è molto utilizzato nello stile rigoroso sia vocale che strumentale e nella musica sacra.

     

    Esempio di progressione tonale discendente, dalla Fuga BWV 860 di Johann Sebastian Bach. Considerando le note cerchiate come bassi armonici, si vede che la progressione segue un segmento del circolo delle quinte.

     
    4. Progressioni modulanti

     

         Progressioni modulanti sono quelle in cui il centro tonale cambia a ogni trasposizione, cioè la progressione attraversa diverse tonalità. La forma più comune di progressione modulante tocca tre differenti tonalità

    – un tono iniziale che modula un secondo tono e

    – una modulazione a una terza tonalità, mantenendo continuo l‘intervallo tra le diverse toniche. 

         La modulazione non accade all’interno del modello, ma l’ultimo accordo di questo è l’accordo – perno. La modulazione alla seconda tonalità può essere chiamata modulazione di passaggio o transitoria, dato che, il tono non è confermato e funge solo da fase temporanea prima della terza e ultima tonalità. L’esistenza di una modulazione di passaggio non implica conseguentemente una progressione; invece, una progressione modulante, nella sua forma più comune, comprende una modulazione di passaggio.

    5. Progressioni fondamentali

     

         Progressioni fondamentali sono quelle nelle quali gli accordi sono tutti allo stato fondamentale

    6. Progressioni derivate

     

        Progressioni derivate sono quelle nelle quali gli accordi sono tutti o in parte sotto forma di rivolto.

     

    7. Progressioni irregolari

     

         Progressioni irregolari sono quelle nelle quali il modello non viene riprodotto con la stessa uguaglianza né gli accordi nelle stesse posizioni:

          Una progressione non può essere nello stesso tempo ascendente e discendente, né tonale e modulante, né fondamentale e derivata. Può essere, pero, nello stesso tempo ascendente, tonale e fondamentale, oppure ascendente, modulante e derivata e cosi di seguito.

        La progressione ha un ruolo architettonico importante in diverse forme musicali. In particolare:

    • nella fuga essa contraddistingue i divertimenti, che nell’ambiente della composizione sono creati proprio a partire da una progressione melodica imitativa costruita da elementi sentiti nell’esposizione.
    • nella forma sonata essa è spesso un fondamentale componente dello sviluppo, ed è utilizzata il più delle volte come mezzo modulante in grado di amplificare la tensione fino a un culmine che viene risolto di solito dall’avvio della ripresa.
    No Comment
  • Armonizzazione della scala maggiore

    7 Min Read

     

      Armonizzazione della scala maggiore: il procedimento

    Con armonizzazione della scala si indica la costruzione degli accordi creati dalle note contenute nella scala stessa. Il processo è semplice: partendo da ogni nota della scala (chiamato grado e indicato con i numeri romani) sovrapponiamo una serie di intervalli di terza. Sovrapponendo alla nota di partenza (detta fondamentale) la terza nota, la quinta nota e la settima nota, si ottiene un accordo a quattro voci chiamato anche quadriade o accordo di settima.

    Continue Reading…
    No Comment
  • Agogica

    2 Min Read

    http://antoniopisacane.com/agogica/

     

          Il vocabolo, già usato nell’antichità per indicare il movimento ascendente della melodia, è introdotto nella moderna terminologa musicale da H. Riemann per indicare le variazioni di movimento all’interno di una composizione. Si dicono indicazioni agogiche i diversi andamenti, dal Grave al Presto la cui velocità, da Beethoven in poi è indicata dai battiti del metronomo, ma che in realtà può essere diversamente interpretata a seconda delle epoche (la velocità di un Adagio di una composizione barocca è molto diversa da quella di un Adagio romantico). Continue Reading…

    No Comment
  • Il discorso musicale

    5 Min Read

     

     

     

     

           Il discorso musicale

     

    Come nel linguaggio parlato il discorso nasce dalla coordinazione logica di parole atte ad esprimere il nostro pensiero, così in musica esso nasce dalla coordinazione di elementi ritmici, armonici melodici – vari fra loro per grandezza (estensione metrica) e compiutezza d’idea (funzione logica) – atti ad esprimere il pensiero dell’artista creatore

    La costruzione di un brano musicale può essere paragonata a quella di un discorso verbale

    Il brano musicale e quello verbale hanno diversi elementi in comune:

    • L’espressività dei suoni
    • L’aspetto ritmico
    • L’organizzazione strutturale                                    

    L’espressività del linguaggio verbale si manifesta attraverso:

    • Il tono della voce ( calmo, agitato, arrabbiato, ironico )
    • I movimenti gestuali
    • L’espressione del viso

    L’aspetto espressivo della musica si manifesta attraverso:

    • Il timbro dello strumento musicale utilizzato
    • L’andamento della linea melodica
    • La dinamica (piano, forte, crescendo, diminuendo )

    L’aspetto ritmico del linguaggio verbale è evidente soprattutto nella poesia:

    • Frasi costruite con lo stesso numero di sillabe
    • Utilizzo degli accenti per scandire il ritmo

    Il ritmo è una delle caratteristiche più importanti del linguaggio musicale:

    • Figure delle note e pause rappresentano la durata dei suoni
    • La battuta crea uno schema ritmico basato sull’alternanza di accenti forti e deboli

    La musica è come un discorso fatto di suoni invece che di parole. Ascoltando una melodia abbiamo la sensazione di una successione di pensieri espressi non con le parole ma con la musica. Anche la melodia quindi, come il discorso verbale, deve manifestare una struttura ben precisa in cui ogni elemento musicale trova una sua precisa giustificazione.

    La frase è una idea musicale-melodia. Di solito una melodia è composta da una frase-domanda che termina su una nota diversa dalla tonica, e da una frase-risposta che termina invece sulla tonica. Le legature dividono la musica in frasi. (Non sempre le frasi sono esattamente segnate). Alla fine della legatura si alza dolcemente il polso, c’è una sospensione/respiro. Si incomincia la frase successiva con un nuovo movimento della mano. Attenzione a non cambiare il ritmo.

     

          Lo schema costruttivo di un brano musicale si chiama “forma

    La forma è la struttura con la quale si organizzano i vari elementi che costituiscono il brano musicale.

    Le parti del pensiero musicale dopo i quali viene fatta una sospensione sono gli incisi, semifrasi o frasi periodo.

    La parte più piccola del discorso musicale si chiama inciso.

    • L’inciso di solito occupa una misura o è a cavallo di due misure.
    • Due incisi (2 battute) formano una semifrase
    • Due semifrasi (4 battute) formano una frase
    • Due frasi (8 battute) formano il periodo musicale o frase compiuta.

    Per distinguere i vari elementi di un brano musicale ci possiamo basare su questi criteri:

    • Uguaglianza ( parti uguali tra di loro)
    • Differenza (parti differenti tra di loro)
    • Somiglianza (parti simili tra di loro)

    Per schematizzare la forma di un brano musicale si usano le lettere dell’alfabeto.

    • Gli episodi uguali vengono rappresentati da lettere uguali
    • Gli episodi diversi con lettere diverse
    • Per gli episodi somiglianti si useranno lettere con gli apici in alto a destra

    Le frasi sono rappresentate da lettere minuscole. I periodi sono rappresentati da lettere maiuscole.

    Nella canzone “Oh Susanna” sono presenti i tre tipi di episodi musicali:

        

    L’inciso

    Il motivo iniziale di un brano è detto anche inciso. L’inciso è una figura melodica (o ritmica) formata da un insieme di due o più note.Rappresenta il frammento significativo più piccolo del discorso musicale. Esso corrisponde generalmente allo spazio di una battuta, ma può trovarsi anche a cavallo di due battute successive.

     
                                    
     

         La semifrase

         L’avvicinamento di più incisi forma la semifrase. Gli incisi possono avere funzioni differenti all’interno della semifrase. Solitamente il primo si presenta come una ‘proposta’ di un breve frammento melodico, mentre il secondo come ‘risposta’. La risposta può essere ‘affermativa’, se ritmicamente simile alla proposta, oppure ‘negativa’ quando è di carattere contrastante.
     
     
                                                             

           La frase

     
     
         Così come un discorso parlato è composto da diverse parti, anche la melodia può essere suddivisa in diverse sezioni, chiamate “frasi musicali”. Ogni frase musicale è il risultato del concatenamento di due o più semifrasi. Nella musica cantata ad ogni frase letteraria corrisponde generalmente una frase musicale , che viene evidenziata tramite una legatura di frase.

        La melodia iniziale del celebre duetto “Là ci darem la mano”, tratto dall’opera “Don Giovanni” di Mozart, è formata da due frasi musicali, suddivise a loro volta in due semifrasi. Ogni elemento del discorso musicale trova un’esatta corrispondenza nel testo letterario.

     

     

     

          Il periodo

     

    Una melodia costituita da due o tre frasi musicali è definita “periodo musicale”. Quando il periodo è composto da due frasi musicali viene definito ‘binario’. Il periodo può tuttavia essere composto anche da tre frasi e in questo caso si dice che è ‘ternario’.

    In ‘Per Elisa’ di Beethoven la melodia principale occupa otto battute e corrisponde ad un “periodo musicale”. Questo periodo è composto da due frasi di quattro battute che iniziano entrambe con lo stesso frammento melodico. In questo caso il periodo musicale è di tipo binario.

     

           
     
     
           In ‘Blowing in the wind’ di Bob Dylan la melodia principale occupa 24 battute e corrisponde ad un “periodo musicale”. Questo periodo è composto da tre frasi di otto battute. In questo caso il periodo musicale è di tipo ternario.
     
     
    89 Comments
  • Gli abbellimenti musicali (parte 2)

    13 Min Read

     

     

    Gli abbellimenti musicali (parte 2)

     

    Tremolo

     

          Tipico degli strumenti ad arco e consiste nella rapida e continua ripetizione della stessa nota. l nome tremolo è usato per abbellimenti diversi a seconda degli strumenti che ne fanno uso. Generalmente consiste nella ripetizione molto rapida di una nota per la durata della nota stessa (a differenza del trillo, in cui si alterna la nota reale con quella superiore). Continue Reading…

    No Comment
  • Gli abbellimenti musicali (parte 1)

    9 Min Read

     

     

     

    Gli abbellimenti musicali

             In musica, come nelle arti della figura, un ornamento è qualcosa che viene aggiunto a scopo decorativo al corpo principale dell’opera. Nella musica d’arte le varie note ornamentali sono composte coscientemente e chiaramente indicate nella notazione. Gli ornamenti musicali di impiego più comune sono: l’appoggiatura, l’acciaccatura, il mordente (superiore e inferiore), il gruppetto, e il trilloLe altre tipologie ornamentali che troviamo nei brani sono: il tremolo, l’arpeggio, il glissando, la cadenza, e  la fioritura. Sono simboli che si pongono sopra le note per abbellire il discorso musicale creando passaggi musicali caratteristici. Gli abbellimenti (detti anche ornamenti, fioriture) sono costituiti dall’inserimento nella linea melodica di una o più note la cui funzione non sia strutturale bensì ornamentale e/o espressiva.Sono per lo più indicati mediante note più piccole rispetto a quelle facenti parte di un brano o ponendo dei simboli sopra la nota reale alla quale si appoggiano. L’interpretazione degli abbellimenti presenta difficoltà di comprensione dei simboli, il cui significato può variare in relazione alle varie epoche e ai diversi autori, nonché di ordine estetico, in quanto lasciano sempre all’esecutore un certo margine di discrezionalità.                                                                                                                                                                                                                       

    Continue Reading…
    77 Comments
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: