Moto obbligato Movimenti dei gradi

 

Moto obbligato

 

Per moto obbligato si riferisce quando una o più note dell’armonia sono costrette a risolvere in base al sistema stabilito dalle convenzioni dell’armonia classica.

 Alcuni esempi di moti obbligati:

  • Moto obbligato della sensibile


    La sensibile (settimo grado della scala maggiore o di una scala minore armonica) deve necessariamente risolvere di semitono ascendente, arrivando così sul primo grado della scala (tonica).
    Questa risoluzione è obbligatoria dalla natura stessa della sensibile, la quale, essendo distante solo un semitono dalla tonica, crea un senso di sospensione e di salto ascendente verso il primo grado della scala.
    Questo succede solo in presenza di un intervallo di semitono fra questi due gradi. Quando la distanza diviene più grande (come di un tono o più) il settimo grado della scala prende il nome di sottotonica e non è più esposta al moto obbligato.
  • Moto obbligato delle settime


    L’accordo di settima può includere  al suo interno più moti obbligati:
    • Moto obbligato del settimo grado: Il settimo grado di una settima è obbligato a risolvere di grado discendente
    • Moto obbligato della sensibile: spesso nellaccordo di settima figura anche la sensibile della tonalità, essa obbligata risolvere di grado ascendente sulla tonica.

 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Settima-02.png

 

      Esistono casi in cui il settimo grado della settima corrisponde con la sensibile della tonalità. Ad esempio ciò arriva  quando si ha una settima sulla tonica della tonalità. In questo caso il grado di sensibile determina come  funziona la settima. Il settimo grado risolverà salendo di semitono. 

 

 

Come abbiamo appena visto, è possibile che i moti obbligati entrino in conflitto. In questa situazione si dice di risoluzioni singolari che consentono di dare una priorità alle convenzioni o di evitare sopraindicati moti obbligati, Tuttavia si tratta per l’appunto di risoluzioni eccezionali, perciò è stranamente che l’armonia non funziona secondo gli schemi tradizionali.

 

Movimenti dei gradi

 

Quando si esamina un brano, le funzioni (i gradi) presenti in esso vengono solo riunite in tre famiglie:

    • Tonica: ( I e VI grado) – Famiglia dalla natura distensiva e conclusiva.

    • Sottodominante: ( II e IV grado) – Famiglia dalla natura tensiva e carica.

    • Dominante: ( V e VII grado) – Famiglia dalla funzione integrativa alle prime due.

Per quanto riguarda la mediante, essa non viene adoperata ai fini armonici, questo perché la sua funzione resta “ambigua” nel discorso musicale, poiché essa non ha un grado tensivo (dominante) o distensivo (tonica) ben definito.

Le interazioni che possiamo trovare fra le tre famiglie delle funzioni armoniche sono molto semplici:

 

 

  • Ad un grado di tonica può seguire un grado di sottodominante o di tonica

  • Ad un grado di sottodominante può seguire un grado di tonica o di dominante

  • Ad un grado di dominante può seguire un grado di tonica ma non un di sottodominante.

Questo perché il grado di dominante, forte della sua tensione, cerca una naturale risoluzione su di un grado distensivo, caratteristico presente solo nel grado di tonica.

Il grado di sottodominante ha una natura puramente complementare ai altri gradi, quindi una dominante non troverebbe risoluzione, togliendo di significato e direzione alla frase musicale.

Un esempio di analisi dei movimenti dei gradi e le loro relative famiglie di appartenenza:

 

 

close

Iscriviti alla mia mailing list se sei interessato alla mia attività di composizione e al mio blog o ti interessa la didattica per ottenere contenuti esclusivi direttamente nella tua mail

Seleziona lista (o più di una):
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: