Prontuario degli Accordi

Gli accordi sono gli elementi armonici fondamentali, che danno la possibilità a un chitarrista di suonare anche da solo, senza accompagnamento di altri strumenti. Con gli accordi più semplici si può iniziare a fare musica quasi fin da subito, mentre quelli più complessi vi apriranno le porte del stravagante mondo del jazz e blues e della musica d’avanguardia. Tranne a conoscere gli accordi, un chitarrista coordinato deve pure sapere quando e come suonarli nell’ambito di una qualsiasi formazione con altri musicisti.

Ulteriori informazioni consulta articoli ➡️ Gli accordi (parte 1), Gli accordi (parte 2), Armonizzazione della scala maggiore  e pagine: Accordo, Enarmonico (Enarmonia)

Le pagine consecutive accolgono tutti gli accordi di cui avete bisogno per costruire un dizionario chitarristico adeguato a ogni occasione o stile musicale

 

English text

 

Chords are the fundamental harmonic elements, which give a guitarist the possibility of playing alone, without the accompaniment of other instruments. With the simplest chords you can start making music almost immediately, while the more complex ones will open the doos to the extravagant world of jazz and blues and avant-garde music. Aside from knowing the chords, a coordinated guitarist must also know when and how to play them as part of any formation with other musicians.

The consecutive pages contain all the chords you need to build a guitar dictionary suitable for every occasion or musical styler

 

Come usare il prontuario

 

Gli schemi di questo articolo vi aiuteranno a imparare le forme di centinaia di accordi e saranno una pratica guida di riferimento per eseguire o per scrivere musica. 

Anche se lo studio delle diteggiature possa parere noioso e inutilizzabile, ricordatevi che più ampio è il vostro dizionario di accordi, più versatile sarà il vostro stile esecutivo e competitivo. Avere una buona conoscenza degli accordi diventa ancora più importante se suonate con altri musicisti. Non vorrete certo mostrare insicurezza con la diteggiatura quando il leader della band vi chiede un sol minore!

Gli accordi sono divisi per tonalità, da La a Sol ♯ (A to G ♯).

A ogni tonalità è dedicata una doppia immagine:

  1. la prima rappresenta i principali accordi che dovete imparare, ognuno raffigurato con tre diteggiature o posizioni differenti. Conoscere diverse posizioni per ogni accordo può essere utile, soprattutto quando li si esegue in una progressione. Quando per esempio ci si trova a suonare sulla parte più alta della tastiera, è meglio evitare di dover tornare sui primi tasti per formare altri accordi.
  2. la seconda immagine contiene alcune delle forme più avanzate, che possono essere utili nelle progressioni, nei passaggi o nelle improvvisazioni. Per queste forme vengono indicate solo due posizioni, per poter accogliere una maggiore varietà di accordi.

 

How to use the handbook

 

The diagrams in this article will help you learn the shapes of hundreds of chords and will be a handy reference guide for performing or writing music.

Even if studying fingerings may seem boring and unusable, remember that the broader your chord dictionary, the more versatile your playing and competitive style will be. Having a good understanding of chords becomes even more important if you play with other musicians. You don’t want to show insecurity with your fingering when the band leader asks you for a G minor!

The chords are divided by key, from A to G♯.

A double image is dedicated to each shade:

  • the first represents the main chords you need to learn, each depicted with three different fingerings or positions. Knowing different positions for each chord can be helpful, especially when playing them in a progression. For example, when you find yourself playing on the highest part of the keyboard, it is better to avoid having to return to the first keys to form other chords.
  • the second image contains some of the more advanced shapes, which can be useful in progressions, passages or improvisations. For these shapes only two positions are indicated, to accommodate a greater variety of chords.

 

Spiegazione degli schemi

 

   Tutti gli schemi raffigurano la tastiera in posizione verticale con il Mi cantino a destra. Una doppia linea in cima allo schema rappresenta il capotasto. Per le diteggiature in posizioni più avanzate sulla tastiera, un numero in alto a sinistra indica il tasto dal quale inizia l’accordo.

Le note da suonare sono rappresentate da numeri inseriti in cerchietti, ognuno dei quali corrisponde a un dito (➊= indice; ➋= medio; ➌= anulare; ➍= mignolo).

Una X sopra una corda indica che quella corda non deve essere suonata del tutto e dovrebbe preferibilmente essere smorzata, per evitare che risuoni accidentalmente. Una O sopra una corda indica invece che quella corda deve essere suonata a vuoto.

Quando la stessa nota può essere rappresentata in due modi diversi, per esempio Do♯ o Re♭ (C♯ o D♭), è stata scelta la versione in cui è più probabile trovare nella pratica comune.

 

Explanation of the schemes

 

All diagrams depict the keyboard in an upright position with the treble E to the right. A double line at the top of the diagram represents the nut. For fingerings in more advanced positions on the keyboard, a number at the top left indicates the fret from which the chord begins.

The notes to be played are represented by numbers inserted in circles, each of which corresponds to a finger (➊= index; ➋= middle; ➌= ring finger; ➍= little finger).

An X above a string indicates that that string should not be played at all and should preferably be muted, to prevent it from ringing accidentally. An O above a string indicates that that string must be played open.

When the same note can be represented in two different ways, for example C♯ or D♭, the version that is most likely to be found in common practice has been chosen.

 

 

Quando un accordo contiene un intervallo alterato da un diesis () o da un bemolle (), per esempio ♯5ª, potete trovare la nota corrispondente suonando un tasto più indietro ( per un bemolle) o più avanti ( per un diesis) rispetto alla nota dell’intervallo giusto. Nelle tonalità che contengono un alto numero di diesis o bemolle in chiave, a volte negli accordi diminuiti o aumentati sono presenti doppi bemolle (♭♭)e doppi diesis (x). Un doppio bemolle è la nota due tasti più indietro rispetto all’intervallo giusto, un doppio diesis è quella due tasti più avanti.

 

English text

 

When a chord contains an interval altered by a sharp (♯) or a flat (♭), for example ♯5th, you can find the corresponding note by playing one key further back (for a flat) or further forward (for a sharp) than to the note of the right interval. In keys that contain a high number of sharps or flats in the key, double flats (♭♭) and double sharps (x) are sometimes present in diminished or augmented chords. A double flat is the note two frets further back than the right interval, a double sharp is the note two frets further forward.

 

 

 

Schemi degli accordi:  (Chord charts):

 

1. Accordi base A (La)

 

2. Accordi avanzati A (La)

 

3. Accordi base B♭/ A♯(Si♭/ La♯)

 

4. Accordi avanzati B♭/ A♯(Si♭/ La♯)

 

5. Accordi base B (Si)

 

6. Accordi avanzati B (Si)

 

7. Accordi base C (Do)

 

8. Accordi avanzati C (Do)

 

9. Accordi base C♯/D♭ (Do♯/Re♭)

 

10. Accordi avanzati C♯/D♭ (Do♯/Re♭)

 

11. Accordi base D (Re)

 

12. Accordi avanzati D (Re)

 

13. Accordi base E♭/D♯(Mi♭/Re♯)

 

14. Accordi avanzati E♭/D♯(Mi♭/Re♯)

 

15. Accordi base E (Mi)

 

16. Accordi avanzati E (Mi)

 

17. Accordi base F (Fa)

 

18. Accordi avanzati F (Fa)

 

19. Accordi base F♯/G♭ ( Fa♯/Sol♭)

 

20. Accordi avanzati F♯/G♭ ( Fa♯/Sol♭)

 

21. Accordi base G (Sol)

 

22. Accordi avanzati G (Sol)

 

23. Accordi base A♭/G♯ (La♭/Sol♯)

 

24. Accordi avanzati A♭/G♯ (La♭/Sol♯)

 

 

 

Iscriviti alla mia mailing list se sei interessato alla mia attività di composizione e al mio blog o ti interessa la didattica per ottenere contenuti esclusivi direttamente nella tua mail

Seleziona lista (o più di una):
Follow us on Social Media